Lo stagno situato al confine con il Quartiere Tor Pagnotta 2 e all’interno dell’’Agro.Romano Meridionale tra i Casali della Tenuta dei Torlonia denomitato in questo lavoro “Stagno Fonte dei Casali” può essere definito uno stagno temporaneo mediterraneo.

Gli stagni temporanei mediterranei sono habitat caratterizzati da una alternanza ciclica di fasi di inondazione e periodi di siccità; sono habitat di acque dolci, alimentati esclusivamente dalle piogge e caratterizzati da acque profonde pochi centimetri.

Tale Stagno si trova all’interno di un area di 5400 ettari Tutelata dal vincolo paesaggistico dei Beni Culturali della zona denominata ” Ambito Meridionale dell’agro-romano tra Laurentina e Ardeatina che lo definisce “territorio che ancora conserva, nonostante i vari fenomeni sparsi di utilizzazione consolidati e in atto, un’alta qualità paesaggistica, riconducibile ai tratti tipici del paesaggio agrario della campagna romana, qui particolarmente caratterizzato dall’ampiezza dei quadri panoramici””.

Inoltre gli stagni temporanei sono tutelati dalla Direttiva “Habitat” (codice 3170* habitat prioritario) e dalla Risoluzione VIII.33 della convenzione Ramsar.

Si tratta di uno stagno formatosi da pochi anni dopo l’abbandono dei casali da parte dei Mezzadri e con le attività di scavi e accumuli di terreno dati dalla costruzione del nuovo Quartiere.

Tale ambiente considerando la sua vicinanza ad un area urbana può rivestire un ruolo importante nel mantenere e rafforzare il legame tra le popolazioni umane, la flora e la fauna selvatiche (Avifauna locale e migratoria) ed inoltre può essere considerato :

  • Un stepping-store (pietre di guado) cioè un frammento di habitat naturale circondato da un paesaggio inadatto, che funge da aree di sosta, rifugio e dispersione per diverse specie.
  • Un nuovo hotspot ( punto caldo) di biodiversità
  • Uno strumento di tipo ludico-formativo ed estetico-ricreativo per le scuole e le associazioni culturali di Tor Pagnotta 2 e Fonte Laurentina.

La tutela di questo stagno costituisce per i due quartieri una grande opportunità. Infatti le sue piccole dimensioni rende più facile la sua gestione e tutela e la sua percezione da parte del pubblico.